Poesia della Torre

 

 

 

 

Si ode rumore scrotale di fondo
Nel secondo vertice del nostro mondo
Unioni firmate sono state spezzate
e nelle valli risuonan risate
L’Oracolo del Nord lo aveva predetto
Mentre ora il divieto è Verdetto
Come La volpe, l’uva ci sembrerà di guardare                                                                    Ma come è bello sulle reti restare
D’Ebano e Avorio è il terreno del campione
Se muovi la Torre perdi il Pedone.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

Protected by WP Anti Spam